Come iniziare a meditare

Come promesso nel mio precedente articolo sui benefici della meditazione, ecco alcune linee guida su come iniziare a meditare! 

Ci sono tantissimi modi o metodi o stili, chiamateli come volete, di meditazione, ma in questo articolo ne prenderò in considerazione uno soltanto, a mio avviso il più semplice per approcciarsi a questa pratica. 

Chi di voi ha praticato yoga almeno una volta avrà sicuramente sentito la frase “prendete una seduta comoda, a gambe incrociate, schiena dritta, fate un profondo inspiro e chiudete gli occhi”.

“Seduta comoda” più facile a dirsi che a farsi, ma senza di essa meditare risulterà molto più difficile, quindi vi invito prima di tutto a soffermarvi su questo particolare perché una volta trovata la posizione che non vi crea disagi o fastidi siete già a metà strada. Prendete ad esempio un mattoncino, o qualche libro, o magari un cuscino abbastanza rigido su cui sedervi in modo da avere le ginocchia più in basso del bacino e incrociate le gambe (è sufficiente un incrocio semplice, non pretendete di sedere nella posizione del loto o del mezzo loto). Ora ponete l’attenzione sulla vostra schiena, cercando di tenerla ben dritta in modo da non gravare sulla zona lombare e permettere all’aria di circolare liberamente all’interno del vostro corpo. E’ importante, durante tutta la meditazione, rimanere il più immobili possibile, prendetevi quindi il vostro tempo nel ricercare la seduta ideale, mettete le mani sulle ginocchia (più avanti vedremo i vari mudra delle mani che si possono tenere), rilassate le spalle, prendete un profondo inspiro e con l’espiro chiudete gli occhi.

E ora??? Ora diamo alla mente qualcosa su cui concentrarci, e per cominciare cosa c’è di meglio del proprio respiro? Cercando di non forzarlo, modificarlo o condizionarlo rimaniamo nel semplice ascolto del nostro respiro. Niente di più, ed ecco che stai meditando! 

Ogni volta che la vostra mente divaga, e vi assicuro che lo farà, quando ve ne accorgete gentilmente riportatela sul vostro respiro. 

All’inizio vagherà spesso e magari anche per tanto tempo, ma non demordere e senza giudicarti riportala al tuo respiro, ti accorgerai che divagherà sempre di meno e che quando lo fa te ne accorgerai più in fretta… meditare non è difficile ma come tutte le cose vanno “allenate” con un pò di pratica quotidiana.

Se hai piacere di iniziare questo percorso di crescita personale trova un momento tranquillo della giornata, magari appena sveglio, e dedicati qualche minuto… fallo per te! 

Come capire se riesci a meditare bene?

Questo è un punto chiave. Non c’è buona né cattiva meditazione. C’è e basta. C’è se, e quando la fai. Non c’è se non la fai. Quando l’hai fatta, appartiene al passato. 

Ma se riuscirete a farla entrare nella vostra routine ne apprezzerete gli innumerevoli benefici, primo tra tutti imparare a concentrarvi su voi stessi e sulla vostra vita, per riscoprirvi e conoscervi di nuovo.

Nel mio piccolo vi invito a provare, solo così potrete capire, e per qualsiasi domanda, dubbio o semplice curiosità non esitate mai a chiedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »